Medicina e Morale

Journal Information
ISSN / EISSN : 0025-7834 / 2282-5940
Published by: PAGEPress Publications (10.4081)
Total articles ≅ 898
Current Coverage
SCOPUS
Filter:

Latest articles in this journal

Claudia Spinosa, , Michela Balconi
Published: 26 July 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 183-194; https://doi.org/10.4081/mem.2021.936

Abstract:
Within a multicultural society, healthcare professionals (HPs) need to implement specific care pathways to meet the needs of patients with different cultural backgrounds who regularly present themselves in healthcare facilities in Italy. This study intends to examine the experiences and representations lived by HPs who deal with the care and management of foreign immigrant patients living in Italy, with chronic diseases. For this goal, a survey was conducted on a sample of 54 HPs recruited in hospital and outpatient facilities. The survey was analyzed with a quantitative analysis method. The results underlined that it is necessary to provide specific training paths to work with chronic immigrant patients, standardizing the training of medical staff both in hospitals and clinics, and providing for other types of professionals specialized in relations with foreign patients, to respond to all requests from foreign users, and not just healthcare ones. This study proposes a new survey model aimed at obtaining in-depth information on the representation of HPs towards the health and well-being of chronic immigrant patients, to provide concrete answers to the needs of the foreign population, providing for the collaboration of several specialised professionals.
Julio César Marini
Published: 26 July 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 227-238; https://doi.org/10.4081/mem.2021.939

Abstract:
Lo que ocurre con el consentimiento informado no se limita solamente a una especialidad y la percepci n de una brecha importante entre la teor a y la pr ctica se da en todo el mbito de la medicina que lo requiere. Consideramos al consentimiento informado como el resultado de un proceso continuo que tiene su ra z en la relaci n m dico-paciente y que la brecha existente entre su teor a y pr ctica podr a ser disminuida mejorando la calidad de aquella. Como bioeticistas consideramos a la relaci n m dico-paciente como un mbito vivo resultante de la interacci n entre dos personas dotadas de libertad y responsabilidad. Y esta relaci n vive porque est compuesta por sentimientos, emociones y pasiones puramente humanas, expresadas y/o contenidas haciendo uso de la raz n y la voluntad para en un momento coincidir en el bien mancomunado de ambos participantes, dando lugar as al consentimiento.
, Pietro Refolo, Antonio G. Spagnolo
Published: 26 July 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 195-203; https://doi.org/10.4081/mem.2021.937

Abstract:
Facendo proprie le riflessioni della scrittrice iraniana Azar Nafisi (“La Repubblica dell’immaginazione”, 2015), secondo la quale la conoscenza immaginativa pragmatica e ispirandosi al grande medico William Osler (1849- 1919), bibliofilo appassionato, che stil una lista di testi classici che ogni futuro medico avrebbe dovuto leggere – la c.d. bedside library –, gli Autori sottolineano l’importanza dei libri classici per la crescita personale dei medici e per la loro competenza clinica. Anche Italo Calvino affermava che ci sono cose che solo la letteratura pu dare con i suoi mezzi specifici (Lezioni americane, 1988). La grande letteratura un ponte che consente il dialogo a prescindere dai reciproci mondi di appartenenza (universalit ); luogo dell’immedesimazione (empatia); porta alla luce gli archetipi del comportamento umano (risonanza etica). Su questi presupposti si basa l’idea di stimolare la lettura dei classici sin dal primo anno della formazione degli studenti di medicina nell’ambito delle Medical Humanities.
, Roberto Gallo, Nereo Zamperetti
Published: 26 July 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 167-182; https://doi.org/10.4081/mem.2021.935

Abstract:
Il Comitato Etico per la Pratica Clinica (CEPC) dell’Aulss N. 8 Berica di Vicenza si fatto promotore nei due anni che hanno seguito la pubblicazione della Legge 219/2017, di una intensa attivit di formazione e informazione sulle importanti novit da essa introdotte. In particolare stato redatto un testo, pubblicato sul sito aziendale, avente l’obiettivo da un lato di spiegare ai non addetti ai lavori il senso e lo scopo della legge, dall’altro di fornire una indicazione semplice e concreta del percorso da fare per redigere una Disposizione Anticipata di Trattamento (DAT) e cos registrarla in via ufficiale. Molte altre attivit formative, rivolte in alcuni casi ai professionisti sanitari, in altri alla cittadinanza in generale, sono seguite alla pubblicazione del documento. Una iniziativa particolarmente innovativa stata la creazione di uno spazio di Consulenza Etica per le DAT, uno sportello di ascolto dove un componente del CEPC, un professionista sanitario in possesso di una laurea in filosofia e di un master in consulenza etica, per una mattina al mese si rende disponibile a fornire informazioni sulle DAT, ad aiutare nella redazione di una nuova DAT oppure a leggere e analizzare una DAT gi predisposta. Un piccolo gruppo di lavoro del CEPC, allo scopo di rispondere alla richiesta di un gran numero di utenti di uno strumento che potesse aiutarli a redigere una DAT, ha elaborato e sottoposto all’approvazione del Comitato un documento intitolato “Guida per preparare e personalizzare una Disposizione Anticipata di Trattamento”, pubblicato anch’esso sul sito aziendale.
Published: 26 July 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 205-225; https://doi.org/10.4081/mem.2021.938

Abstract:
The uncharted territory of genome editing technology, which can be described as the Copernican revolution of our age, presents the challenge of the trade-offs between the benefits to people now and the known unknowns concerning future dangers and risks. It is for this reason that critics of human germline modification argue that it is unethical to harvest benefits in the immediate future while causing a whirlwind in the far-distant future! The current generation has, therefore, to make sensible decisions about the research and clinical application of human gene editing technologies to prevent far-reaching deleterious impact on an indefinite number of generations yet to come. Certainly, techniques of heritable human genome editing could increase vulnerability, discrimination and division among and between generations without the guidance of social justice which is inseparable from solidarity. Since the descendants of edited human embryos may be exposed to unknown, possibly negative long-term effects, without consenting to having these risks imposed on them, the thorny issues of harm, safety and precaution are crucial to address the knowledge-gaps and uncertainties implied the clinical application of human genome editing. Thus, the intergenerational moral consciousness and conscientiousness on the benefits and risks of human genome editing have to remain vigilant and alert!
Published: 12 April 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 111-120; https://doi.org/10.4081/mem.2021.932

Abstract:
It is argued that the “slippery slope” that could be created after the legalization of euthanasia and assisted suicide could open the door to euthanasia practices that go beyond those permitted by law. In this respect, we address three specific circumstances in which we believe this could occur: 1) euthanasia techniques could be applied in non-terminal psychiatric patients and likewise in those with mental disorders or intellectual disabilities; 2) it could also be carried out in adolescents, children and neonates; and 3) involuntary euthanasia may be performed. We provide specific data on these three situations that support the conclusion that all three are already taking place. At the same time, we conduct an ethical assessment of these practices, which we consider illicit.
Pietro Refolo, , Antonio G. Spagnolo
Published: 12 April 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 25-34; https://doi.org/10.4081/mem.2021.927

Abstract:
Una delle questioni più spinose che accompagna il dibattito sulla campagna vaccinale anti-SARS-CoV-2/COVID- 19 è quella che riguarda l’accesso ai vaccini, ossia l’ordine di priorità da seguire, soprattutto nella fase iniziale di somministrazione, caratterizzata da un forte squilibrio tra domanda e offerta. In Italia, l’accesso è regolato dal Piano strategico dell’Italia per la vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 del dicembre 2020, a cui ha fatto seguito un documento di aggiornamento del febbraio 2021. L’obiettivo del presente contributo è di analizzare sotto un profilo etico i due documenti, approfondendo in particolare il tema delle giustificazioni che sono alla base delle scelte prese e del loro inquadramento rispetto alla prospettiva egualitarista del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) italiano.
Iva Rinčić, Toni Buterin, Robert Doričić, Igor Eterović, Marianna Gensabella,
Published: 12 April 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 11-24; https://doi.org/10.4081/mem.2021.926

Abstract:
Despite the numerous works evaluating Fritz Jahr’s importance for bioethics, there is still a widespread practice at best to put his name in some of the footnotes. The similar practice is recognized in Italy and the full appreciation of his work – contrary to the reception of Van Rensselaer Potter’s work – is still to come. First part of this paper is concerned with the mentioned uncommendable practice as a main motive of the article. Second part shortly captures the main facts about life and work of Fritz Jahr. Third part is dedicated to summary of extensive work of Van Rensselaer Potter. Next part reveals the trends and practices in Italy concerning the reception of those two «fathers of bioethics» and delineate the lines of research based on their work. In conclusion the authors call for caution and attentive approach to history of bioethics because mixing those research lines could be at least deceptive if not completely unfruitful.
Published: 12 April 2021
Medicina e Morale, Volume 70, pp 91-109; https://doi.org/10.4081/mem.2021.931

Abstract:
L’articolo si propone di riflettere sul rispetto per la persona, come fondamento dell’etica della relazione tra medico e paziente. Il dibattito bioetico ha rilevato, negli ultimi cinquant’anni, l’importanza del rispetto nelle relazioni proprie delle professioni della salute, tuttavia è stato influenzato da nozioni riduzionistiche del rispetto, che lo limitano al rispetto dell’autonomia del paziente, dei suoi diritti o della sua integrità. Attraverso un’analisi dell’essenza del rispetto come risposta della persona e della dignità umana come fonte del dovere di rispetto per la persona, ci si propone di mostrare che il rispetto comprende molte forme, che il rispetto degli altri si deve conciliare con il rispetto per sé stessi, e che la piena comprensione del rispetto per la persona nella relazione tra medico e paziente implica tenere conto, accanto alla sua dignità, anche della sua vulnerabilità. Si potrà concludere, allora che il rispetto richiede l’acquisto della virtù della reverenza, che ci permette di cogliere i valori profondi della realtà e degli altri, ed è la soglia dell’etica, perché ci permette di agire con giustizia.
Back to Top Top